Le preferenze di razza nel sesso? Non sono un crimine!

Una coppia mista.

Da diverso tempo mi sono accorto, durante le occasionali scorribande nei siti porno, che sempre meno mi hanno interessato i filmati porno con attori neri.
Inizialmente era uno ogni tanto, poi sempre più spesso, adesso quando vedo, nell’immancabile preview, degli attori di colore, salto proprio il filmato.

Allora mi sono chiesto: ma sono diventato razzista???

Di certo non nella vita quotidiana: gli amici di colore che ho continuo a frequentarli come facevo prima: non ho notato ne mie prese di distanza, ne cambiamenti di atteggiamento da parte mia nei loro confronti. Poi con gli amici di colore con cui sono davvero legato, mi sono sentito di poter dire loro chiaramente: «se vedete un mio cambio di atteggiamento nella nostra amicizia, vi prego, fatelo notare immediatamente!!»

Seppure deriso, da questi amici di colore, mi hanno promesse che se qualcosa cambiasse, da parte mia, mi avviserebbero immediatamente.

Però questa cosa mi infastidisce: e non poco. Cresciuto come sono in una società molti culturale come quella del paese da cui arrivo, vissuto in una realtà in cui il multiculturalismo era la quotidianità, tanto che i nostri vicini di casa —a schiera— erano da un lato della casa, una famiglia pachistana, dall’altro lato una famiglia nigeriana, ed io giocavo con i loro figli sin da sempre, che la memoria mi accompagni, resta il fatto che ripensando alla mia vita da adulto, ed intendo quella sessuale, in effetti le occasioni in cui ho fatto sesso con persone di colore sono state poche.

Nulla di strano in fin dei conti: essendo rientrati in Italia che ero giovane negli anni ’70 le persone gay di colore non erano poi così tante, e di conseguenza incontrarne era piuttosto raro. Più avanti negli anni mi sono capitate un paio di situazioni in cui ho fatto sesso con persone di colore, e non ricordo nulla di strano o particolare che sia avvenuto in quelle circostanze.

Allora perché adesso ho questo rifiuto verso le persone di colore? Non riesco proprio a spiegarmelo. Così mi sono a cercare informazioni, in rete, su come la gente, mediamente almeno, si comporta nello scegliere il proprio compagno di turno anche in base alla razza e/o aspetto.

Mi sono imbattuto in questo articolo e mi son detto: «Meno male: non sono l’unico che si pone la questione!!»

Insomma li fuori c’è un dibattito piuttosto animato sulla correttezza, o meno, nello scegliere il proprio compagno di avventure anche in base alla razza.

Il titolo, come avrete letto è: Le preferenze di razza nel sesso non sono un crimine e le opinioni in merito sono piuttosto diversificate. Se leggete anche le risposte noterete che esistono due grossi schieramenti: il primo dice che si tratta di mero razzismo; il secondo, invece, dice che si tratta di mera scelta per l’attrazione che proviamo o meno nei confronti di una persona, e che casualmente sia anche di colore.

Però questo non risponde al mio di problema: io proprio di fare sesso con una persona di colore non riesco ad immaginarmelo ora, come ora. In passato come dicevo mi è anche capitato, ma da quando ho notato questa incrementale repulsione verso i filmati con attori di colore, mi cresce l’ansia nel pensare che se mi capitasse l’occasione, rifiuterei anche nella realtà perché si tratta di un uomo di colore? E se fosse così sarebbe una questione di razzismo oppure davvero sarebbe solo una questione di miei gusti, che evidentemente nel tempo, sono cambiati.

Devo anche considerare, che nel tempo, non sono stato mai una persona che accettava di fare sesso con un altro uomo, solo in base a specifiche caratteristiche fisiche: ho sempre detto, a chiunque me l’abbia chiesto, che non ho mai avuto il maschio ideale.

Negli anni ho fatto sesso con maschi alti, bassi, grossi, magri al limite dell’anoressia, biondi, rossi —ahimè quelli sempre troppo pochi!!— neri o cantanti: con gli occhi azzurri, scuri, o screziati.

Insomma non sono mai stato legato, come altri che conosco, ad una tipologia di maschio per farci sesso. Per me ha sempre contato molto la testa del partner del momento. Se mi prendeva di testa allora poteva eccitarmi, altrimenti poteva essere pure un modello o un super palestrato, ma di sesso non ce ne sarebbe stato in nessun caso.

Allora perché, adesso, sento questa mio declinare anche la sola idea, di fare sesso con un uomo di colore? E soprattutto quello che mi fa pensare che ci sia dell’altro sotto, è che questa mia presa di posizione mi da fastidio, mi pesa.

Ohh intendiamoci: non è che alla mia età mi propongono di fare sesso un giorno si ed un giorno no… ma il solo fatto che pensi di poter declinare un invito per via della pelle mi da un fastidio che non potete immaginare!!!

Alla fine mi domando: questi cambi di gusti arrivati ad una certa età sono da considerarsi normali? Oppure sono io che avevo qualcosa di interiorizzato che sta uscendo adesso che mi avvio alla fine?

Una cosa è certa: questo cambiamento nei gusti, in particolare, mi da un fastidio che proprio non avete idea…

Ed a voi è capitato di rifiutare un incontro solo in base alla razza di appartenenza? Oppure nazionalità o aspetto o un qualsiasi particolare che vi abbia fatto dire: «Ahh no!! Questo proprio no!!»


Se vuoi restare aggiornato sulla pubblicazione di nuovi articoli su GayLife, puoi iscriverti alla newsletter cliccando qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *