Giovani gay, e partner maturi.

Giovani gay, e partner maturi: cosa porta un giovane gay, a cercare la compagnia di un uomo maturo, per formare una coppia stabile? Me lo sono chiesto più volte, nel tempo, ed ho deciso di cercare un po’ di dati per vedere se riuscivo a darmi una qualche risposta.

Young guy searching for dads

Photo by Jeremy McKnight on Unsplash

In questi ultimi giorni mi è capitata l’occasione di mettere le mani su un database di una nota app di gay dating.

Chiariamo: l’ho trovato nella darknet, e chi ha postato il database, lo ha fatto senza alcun riferimento a nomi, cognomi o altre informazioni che permettessero di identificare a chi fossero collegati i dati in questione.

Praticamente c’era solo una tabella con solo i seguenti dati:

  1. Età;
  2. aspetto fisico (altezza, peso ed altro che lui ritenesse potesse essermi utile per l’analisi che volevo fare);
  3. Preferenze sessuali proprie;
  4. Età ricercata in un eventuale partner;
  5. Preferenze sessuali ricercate in un eventuale partner.

Alla fin fine, nessun dato che permetta di reperire informazioni su chicchessia né alcuna chat privata, o pubblica che fosse, o foto: solo cifre!

Continue reading →

Coppie Aperte, Chiuse o Poli Amorose.


Coppie Aperte, Chiuse o Poli Amorose: è da un po’ che seguo uno specifico genere di programmi, se non altro per capirne la qualità, visto che vengono proposti come programmi di cultura specializzata per giovani. Oggi, in particolare, hanno trattato la questione poli amore. In realtà hanno spaziato, se non altro per motivi di comparazione, tra:

  1. Coppie tradizionali ossia coppie monogamiche;
  2. Coppie Aperte ossia quelle in cui uno, o entrambi i componenti della coppia, possono avere rapporti sessuali con altre persone, in modo dichiarato e senza la percezione del tradimento;
  3. coppie poli affettive (o poli amorose) ossia coppie in cui uno, o entrambi, i componenti della coppia possono avere una relazione sentimentale con un terzo, o quarto, soggetto coinvolgendo anche il proprio partner iniziale.

Continue reading →

La prima coppia gay di cui si abbia un’evidenza storica.

Niankhkhum e KhnumhotepSource: Public domain

Niankhkhum e KhnumhotepSource: Public domain

Vissero, morirono e furono sepolti, insieme, già nel 2400 a.C. in Egitto.

Quando gli egittologi scoprirono la tomba a Saqqara, in Egitto nel 1964, rimasero sorpresi: questa è stata la prima, ed unica, tomba nella necropoli in cui è stata sepolta, insieme, una coppia dello stesso sesso. Con la maggior parte della loro storia, che si perde nella traduzione, gli egittologi hanno estrapolato dalle prove rilevabili nella loro tomba che Khnumhotep e Niankhkhnum sono la prima coppia gay documentata della storia. L’affermazione di una prima coppia dello stesso sesso registrata ha incontrato un notevole dibattito tra gli accademici. I geroglifici adornanti la tomba, li raffigurano mentre si tengono per mano, faccia a faccia con i loro nasi che si toccano, abbracciati. Tutte posizioni che nello stile egizio, raffigura una coppia sposata. Continue reading →

Quanto mi piacerebbe se lui… quanto mi piacerebbe se io…

Quanto mi piacerebbe se lui… quanto mi piacerebbe se io…

La frase vi suona familiare? A dirla tutta suonerà familiare sia alle coppie etero, che a quelle bisessuali, che a quelle gay: è un problema comune.

Di quale problema stiamo parlando? Del fatto che nel sesso, salvo la fase iniziale in cui tutto è molto istintivo e non programmato, i componenti di una coppia spesso hanno esigenze diverse e non sempre complementari.

“Mi piacerebbe che mi facesse questo o quello…”, “Quanto mi piacerebbe se lui mi facesse quella o questa cosa…” sono pensieri, che di norma sono sempre piu presenti, man mano passano gli anni, ed il sesso diventa qualcosa di pericolosamente abitudinario!!

Perché non ce nulla di più pericoloso in un rapporto consolidato, della routine, specialmente nel sesso.

Adesso veniamo alla questione saliente del post: le cose che ci piacciono, o iniziano ad interessarci che il nostro compagno non fa, vuoi perché non le ha mai fatte e non si immagina che adesso ci interessino, vuoi perché lui da una valenza totalmente diversa al gioco, rispetto alla valenza che diamo noi. Continue reading →

Come un figlio può fare il Coming Out con un familiare.

Può sembrare buffo, ma questo post comincerà circa come quello precedente, solo a parti invertite. Quindi, come un figlio dovrebbe comportarsi nei tre casi più comuni:

  1. Hai il dubbio, o sei già al punto che ne sei certo, di essere gay;
  2. vorresti fare di fare coming out con i tuoi genitori;
  3. qualcuno che ama farsi gli affari altrui, ha fatto outing su di te ed i tuoi sono venuti a saperlo indirettamente.

Come puoi vedere, le situazioni sono pressoché le stesse dei genitori, con la differenza —tutt’altro che minima —che il soggetto sei tu!

Già avrai avuto il tuo bel da fare per capire cosa sei e perché lo sei; avrai avuto il tuo bel da fare a capire che non sei malato, né sbagliato, né cattivo, né destinato all’inferno per questa cosa. Adesso ti ritrovi in una di questa tre situazioni: come affrontarle? Beh io posso solo darti qualche consiglio, in gran parte per la mia esperienza personale, per altre parti frutto di esperienze di altri ragazzi che ho aiutato nelle tue stesse condizioni; quindi partiamo dal primo punto!!

Continue reading →

Mio figlio forse è gay!! Adesso che faccio?

Inizio con il parlare di come un genitore dovrebbe comportarsi nei tre casi più comuni:

  1. Scopre, da solo in qualche modo, che il pargolo sia gay;
  2. il proprio figliolo fa coming out con voi;
  3. qualcuno che ama farsi gli affari altrui, fa outing su vostro figlio e lo viene a sapere indirettamente.

Continue reading →

Coming Out ed Outing: NON sono la stessa cosa!

Confusione che molti fanno da sempre, un po’ per ignoranza, un po’ per pigrizia nell’andare a cercare la differenze tra le due cose, un po’ per superficialità.

La differenza tra le due cose c’è ed è enorme:

  1. Coming out: azione conscia, e voluta, del dire di essere gay a qualcuno.
  2. Outing: qualcuno che non si è fatto gli affari propri, dice in giro che tu sei gay.

Continue reading →